I temi e gli obiettivi

I temi e gli obiettivi formativi perseguiti

 

- Conoscere da un punto di vista culturale la "dieta mediterranea", per come essa si concretizzava nella realtà delle pratiche culinarie delle società tradizionali salentine, individuando i suoi punti di forza sotto il profilo strettamente nutrizionale.

 - Recuperare dalla relazione con le comunità di Ortelle e Vignacastrisi le ricette dei piatti ritenuti più tipici ed identificativi, provando a replicarle nel contesto dello educational game, cuore delle attività formative della Summer School.

 - Comprendere come poter migliorare, tenendo conto dei principi dell'attuale dietetica su fondamento scientifico, le ricette tradizionali.

 - Comprendere che è meno problematico e fastidioso di quanto normalmente non si pensi fare gli acquisti alimentari da produttori locali, per poter pervenire a forme di nutrizione più sostenibili, in quanto capaci di indurre minor consumo di energia, stagionalizzate e solidali, poiché in grado di sostenere l'economia locale.

- Conoscere autori e testi della produzione letteraria salentina che hanno trattato a vario titolo le problematiche legate al cibo.

 - Conoscere artisti visivi salentini che hanno tematizzato il cibo.

 - Conoscere la produzione musicale tradizionale salentina, approfondendo canti che nei loro testi fanno riferimento al cibo.

 - Conoscere le principali pratiche rituali e sociali, proprie delle comunità tradizionali, in ordine al cibo.

 - Comprendere i principi della cittadinanza educativa, come disponbilità a relazionarsi con gli altri nello spazio della comunità per individuare, attraverso la concretezza delle proprie azioni, la via praticabile di una crescita comune.

 - Comprendere i principi del life wide learning: si apprende da tutti e dappertutto.

- Comprendere, riflettendo sul rapporto cibo-territorio-comunità, il complesso gioco tra chiusura e apertura nel processo di costruzione delle identità.

- Riflettere sui comportamenti virtuosi che fanno di un con-sumatore un "consumatore cri-tico".

- Comprendere la nutrizione come gioco di equilibri sistemici tra casualità, genetica, caratteristiche ambientali e varietà colturali selezionate nel corso del tempo.

- Comprendere i principi della progettazione formativa di azioni finalizzate a realizzare apprendimento esperienziale e metaforico.

- Comprendere sui criteri che consentono di definire un generico gruppo di apprendi-mento "comunità di appren-dimento".

- Riflettere sulle dinamiche di apprendimento in contesti reali o simil-reali, in cui è preminente la relazionalità.

- Comprendere i principi del PBL (Problem based learning).

- Riflettere sui percorsi di valo-rizzazione delle tipicità locali per creare ipotesi di sviluppo ter-ritoriale.

- Entrare in contatto con tema-tiche significative nell'ambito del dibattito pubblico attuale, partecipando a momenti qua-lificati di riflessione tra esperti dei problemi affrontati.

- Acquisire competenze nel campo della scrittura drammaturgica col-lettiva.

- Apprendere come realizzare in-terventi formativi di tipo ludico-partecipativo, fondati sulle arti performative.

- Comprendere i criteri fon-damentali dell'intervento sociale finalizzato allo sviluppo di co-munità.

 

Comments